top of page

NUTRIZIONE CLINICA

Nutrizione.png

Nutrizione Clinica

La Nutrizione clinica è la specialità che si occupa dell’alimentazione seguendo il modello della riabilitazione nutrizionale psicobiologica (relazione tra comportamento – emozioni – cibo - reazioni biologiche) sfruttando tecniche che si rifanno alla terapia cognitivo-comportamentale e training di familiarizzazione col cibo.

E’ indicata a chiunque desideri intervenire positivamente sul proprio comportamento alimentare senza stravolgere le proprie abitudini, ottimizzando l’alimentazione in un ambito di corretto stile di vita per fare in modo che i cambiamenti ottenuti siano poi mantenuti nel tempo.

La prima visita di circa 90 minuti è fondamentale per l’inquadramento dello stile alimentare della persona, per definire l’approccio dietetico più adatto e per l’individuazione del percorso nutrizionale adeguato per raggiungere in modo corretto l’obiettivo ponderale stabilito e condiviso.

 

Il colloquio con il paziente è così strutturato:

  • Anamnesi familiare, fisiologica e patologica;

  • Anamnesi alimentare (Storia del peso, raccolta delle abitudini alimentari, del rapporto con il cibo e dello stile di vita del paziente con identificazione dei punti critici e degli aspetti da migliorare);

  • Valutazione della composizione corporea tramite bioimpedenziometria (metodica che consente di avere informazioni sulla massa grassa, sulla massa magra e sullo stato di idratazione del corpo), valutazioni antropometriche (peso, altezza, IMC Indice diMassa Corporea, circonferenze vita), calcolo indicativo del MB (Metabolismo Basale) e DE (Dispendio Energetico) giornaliero;

  • Definizione dell’obiettivo nutrizionale terapeutico;

  • Scelta dell’approccio dietetico da seguire in base alle esigenze, abitudini e gusti del paziente.

 

La dieta verrà consegnata successivamente dopo un’attenta analisi complessiva dei dati raccolti, con l’obiettivo di suggerire un piano alimentare il più personalizzata possibile e che segua le abitudini e le esigenze del paziente.

food-for-thrive-diet-PFX62PT.png

A chi ci rivolgiamo?

  • Soggetti sani normopeso che vogliono migliorare la loro alimentazione

  • Soggetti in particolari condizioni fisiologiche: età fertile, gravidanza, allattamento, età pediatrica, età senile e menopausa

  • Soggetti in stato di sovrappeso, obesità o sottopeso

  • Soggetti con accertate condizioni patologiche: diabete, iperinsulinemia, steatosi epatica, ipercolesterolemia, ipertensione, ipotiroidismo, osteoporosi, sindrome dell’ovaio policistico

  • Soggetti con disturbi gastrointestinali: reflusso gastro-esofageo, gastrite, colite, colon irritabile, stipsi, diarrea, diverticolite, gonfiore addominale, meteorismo

  • Soggetti con allergie e/o intolleranze alimentari

  • Soggetti vegetariani

Nutrizione Generale

Nutrizione

in età evolutiva

Una sana e corretta alimentazione nell’età evolutiva crea le condizioni ottimali per uno sviluppo armonico e per una buona salute in età adulta.

L’allattamento materno è quello maggiormente raccomandato, ma in caso il latte materno non sia sufficiente è importante scegliere la giusta formula ed evitare assolutamente il latte vaccino almeno fino al primo anno di età.

La successiva fase di svezzamento è un momento estremamente importante per il bambino.

Le teorie sono molteplici, dal metodo classico che prevede un inserimento graduale e progressivo ad altri che suggeriscono la teoria dell’inserimento alimentare diretto e immediato.

Partendo dal presupposto che lo svezzamento non debba essere avviato prima dei sei mesi di vita, è importante essere supportati con studiate consulenze per una corretta impostazione del piano alimentare al fine di tutelare organi come il piccolo intestino, il fegato, i reni e il pancreas non ancora giunti alla loro completa formazione.

A partire dal 1 anno di vita, l’alimentazione del bambino diviene sempre più simile a quella dell’adulto. Deve essere varia ed equilibrata, senza sale e limitando gli zuccheri e deve assicurare il corretto apporto energetico e le giuste quantità di proteine, vitamine e sali minerali.

Il nutrizionista si occupa di: 

  • Elaborazione di piani alimentati per asili nido, scuole dell’infanzia e scuole primarie

  • Elaborazione di piani alimentari che coinvolgano l’intera famiglia

Nutrizione in Gravidanza

I primi 1000 giorni di vita sono cruciali per un bambino: gli organi e i sistemi sono particolarmente sensibili a stimoli o “insulti” precoci che possono programmare lo sviluppo futuro e le condizioni di salute dell’adulto che verrà. Come affermato anche dalla Organizzazione Mondiale della Sanità, inoltre, in questo periodo la corretta nutrizione contribuisce a ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche.


Di particolare rilievo nei primi 1000 giorni è anche lo sviluppo cognitivo: l’80% del cervello di un adulto si forma, infatti, nei primi 3 anni. Per questo motivo è molto importante offrire al bambino un’alimentazione equilibrata in tutte le fasi che caratterizzano questo periodo a partire dal concepimento (l’alimentazione della madre durante la gravidanza e il suo stile di vita influenzerà per il 70% la salute del nascituro - eredità epigenetica) per concludersi nella fase dell’allattamento, momento in cui la mamma necessita di un corretto rapporto qualitativo e quantitativo valido a soddisfare le richieste del neonato e l’aumentato dispendio energetico dovuto alla produzione di latte.

Nutrizine Gravidanza
Nutrizione Eta Evolutiva
Pregnant Nutrizione.png
Nutrizione eta evolutiva.png
bottom of page